Lettera referenze badante

Come scrivere le lettera di referenze della badante

Questo articolo è stato liberamente tratto da questa guida su come scrivere la lettera di referenze della badante.

AES DOMICILIO è una cooperativa socioassistenziale (opera in tutto il Nord Italia ed in particolare offre il servizio di badanti a Como), si occupa anche di assistenza anziani e gode di un ottimo team di screening attraverso il quale scegliere accuratamente le persone competenti da portare nelle vostre case. Tuttavia può sempre essere utile avere con sé una “lettera di referenze” cioè una lettera attestante le capacità e lo storico delle mansioni della badante, che fornisca un giudizio positivo in merito.

Badante: come scrivere la lettera di referenze e presentarsi per un posto di lavoro

Se volete presentarvi per un posto di lavoro, in questo caso da badante, è fondamentale la lettera di referenza, che darà un valore aggiunto al curriculum e alla lettera di presentazione.

Se volete presentarvi per un posto di lavoro, in questo caso da badante, è fondamentale la lettera di referenza, che darà un valore aggiunto al curriculum e alla lettera di presentazione.

Questa lettera viene dai precedenti datori di lavoro della badante, che possono garantire per lei avendone avuta una conoscenza approfondita.

Gli elementi necessari sono senz’altro:

-Il periodo in cui si è svolto il rapporto di lavoro.

-Il tipo di mansione.

-Le competenze possedute.

-I motivi per cui è stato interrotto il rapporto di lavoro.

-La disponibilità a fornire maggiori dettagli.

Ecco un modello particolarmente efficace:

 

La signora _________ ha lavorato presso la nostra abitazione dal _________ al _______ in qualità di collaboratrice domestica.

Durante il suddetto periodo si è occupata di ________ , svolgendo le sue mansioni con precisione e affidabilità e distinguendosi per onestà e puntualità, pertanto ne assicuro ottime referenze.

Purtroppo la situazione economica non felice non ci consente, al momento, di mantenere una collaboratrice domestica a tempo pieno, alla prospettiva di vedere ridotto l’orario di lavoro la signora _______ ha preferito quella di cercare un nuovo posto, e così la perdiamo con grande dispiacere.

Resto a disposizione per ogni ulteriore informazione, a tal fine segnalo il mio recapito telefonico ____.

Luogo e data

Firma

 

Cerchi informazioni sulla gestione della tua badante convivente?

AES Domicilio è attiva con le proprie badanti in tutta la Regione Lombardia ed in particolare nelle province di Milano, assistenza agli anziani Monza e Brianza, Como, Lecco, Bergamo e Pavia.
Siamo anche presenti in tutto il Nord Italia, attraverso i nostri uffici o i nostri partner in franchising (ad esempio in Friuli: Badante a Trieste, Badante a Gorizia).

 

Badanti Udine Famigliari

Badanti e famigliari: Il ruolo nella vita dell’assistito

In questo articolo affronteremo il tema del ruolo delle badanti e dei famigliari all’interno della vita dell’anziano assistito.

AES Domicilio, assistenza anziani, è attiva con le proprie badanti in tutta la Regione Lombardia ed in particolare nelle province di Milano (badanti Milano), ed in tutto il Nord Italia.

Ma torniamo all’argomento principale.

Gli stessi familiari hanno diritti e doveri per poter difendere gli anziani: l’importante è che la persona sia aiutata dai propri familiari, quando necessario, e non sia abbandonata a se stessa. Questo significa, per esempio, che se la persona anziana ha bisogno di un aiuto per muoversi, i figli dovranno occuparsene e valutare le varie opzioni quale appunto la assunzione di una badante o nei casi meno gravi l’acquisto di una poltrona particolarmente agevole per salire le scale o per vari spostamenti. In ogni caso, e qualunque sia l’opzione scelta, l’importante sarà fornire assistenza al soggetto, rendendolo consapevole della propria condizione, senza negare le sue libertà.

L’assistenza della badante per il benessere della famiglia

Non è tutto: il diritto all’assistenza diventa ancora più importante nei casi in cui sia diagnosticata una demenza senile. Se la diagnosi non è così grave da comportare il ricovero in una struttura apposita, la persona anziana potrà continuare a vivere in casa propria o presso i figli, prendendo le giuste precauzioni, affinché l’ambiente sia sicuro e confortevole. Nel caso in cui invece si opti per il ricovero, il soggetto ha il diritto, se le sue condizioni glielo permettono, di decidere quando e dove farsi ricoverare. Anche quando si soffre di gravi problemi di salute che non permettono più di lavorare, i figli hanno il dovere, se è loro possibile, di fornire un aiuto economico. Questo dovrà essere proporzionato alle condizioni economiche di ciascuno, e sarà da suddividere nel caso in cui i figli siano più di uno. Nel caso in cui non venga raggiunto alcun tipo di accordo tra i soggetti obbligati, potrà intervenire un giudice.

Non dimentichiamo però che ci sono anche degli strumenti con cui i familiari possono effettivamente difendere i diritti dei loro parenti anziani.

Un esempio è l’indennità di accompagnamento ossia un risarcimento economico che viene riconosciuto se il soggetto non può deambulare in maniera autonoma e ha quindi bisogno costantemente dell’aiuto di un accompagnatore, oppure se in generale si tratta di una persona che ha bisogno di continua assistenza per compiere tutte le azioni quotidiane.

Ecco condensato in queste poche battute i doveri della famiglia, da un lato, e le libertà dell’anziano dall’altro.

Sei alla ricerca di una badante qualificata? O di un aiuto per la gestione amministrativa della tua badante?

AES Domicilio è presente attraverso i nostri uffici o i nostri partner in franchising ad esempio in Friuli Venezia Giulia: Badanti Trieste, badanti Gorizia.

Badanti Udine

Nuovo sito web Franchising Udine

In linea il nuovo sito web per la provincia di Udine.